Tel: +39 338 1781133              Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo
UTILIZZO DEI COOKIES INFORMATICI La presente informativa sui cookie fornisce una panoramica riassuntiva su come rifugioalconvento.it utilizza i cookie sul proprio sito internet. Consenso all'utilizzo dei cookie Navigando sul sito l'utente ACCONSENTE all'utilizzo dei cookie così come descritto da questa informativa. In caso contrario il presente sito non fornità all'utente un corretto utilizzo dello stesso. Che cookies utilizza questo sito? Tecnici Utilizziamo solamente cookies tecnici anonimi indispensabili per il corretto funzionamento del sito, per la gestione della sessione e per le funzionalità interne del nostro sistema. Analitici Utilizziamo cookies di terze parti (Google), per analizzare il comportamenti dei visitatori a scopi statistici e in modo assolutamente anonimo. Questo ci aiuta a migliorare continuamente il sito offrendo agli utenti la migliore esperienza di navigazione possibile. Marketing Utilizziamo cookies di terze parti anonimi (Google) per proporre banner pubblicitari in siti esterni per i visitatori del nostro sito. Cosa sono i cookie? I cookie sono piccoli file di test che i siti internet visitati inviano al proprio terminale (computer, laptop, smartphone, tablet), dove vengono memorizzati. I cookie vengono salvati nella directory del browser. Ad ogni visita successiva del sito in questione, il browser invia nuovamente i cookie al sito stesso, in modo che quest'ultimo riconosca il terminale, migliorando così l'esperienza di utilizzo dell'utente ad ogni successiva visita del sito. Per approfondire vi invitiamo a leggere la pagina wikipedia di riferimento: Cookie (Wikipedia) Alte informazioni posso essere trovate ai siti www.allaboutcookies.org e www.youronlinechoices.eu Gestione dei cookies I cookies possono essere eliminati o modificati direttamente dal browser dell'utente. Il visitatore ha il pieno controllo dei cookies e sul loro utilizzo. Ricordiamo che disabilitando i cookies non sarà possibile accedere alla corretta visualizzazione e utilizzo del sito. Rimandiamo alle guide dei browser più usati per conoscere le varie modalità di gestione dei cookies: Guida ai cookies - Chrome Guida ai cookies - Firefox Guida ai cookies - Safari Guida ai cookies - Internet Explorer Grazie

Rifugio al Convento

Laghi di fusine

 

I Laghi di Fusine sono costituiti da due laghi, il Lago Superiore ed il Lago Inferiore; situati sul territorio del comune di Tarvisio, sono considerati fra i più begli esempi di lago alpino.

I laghi di Fusine, di origine glaciale, sono collocati in un anfiteatro calcareo creato dalla dorsale del Picco di Mezzodì del Monte Mangart. La valle, che corre parallela al confine italo-sloveno, dal 1971 è un'area protetta, con il nome di Parco naturale dei Laghi di Fusine. In inverno, la zona dei laghi di Fusine è uno dei posti più freddi di tutta la regione Friuli-Venezia Giulia, e spesso vi si registrano le temperature minime d'Italia.

I fattori principali che generano queste temperature sono il sottosuolo carsico e la scarsa illuminazione invernale. Per i fatti sopra menzionati infatti in inverno i laghi di Fusine sono ghiacciati da inizio dicembre fino a marzo in annate normali. Appena lasciata Tarvisio, la valle dei laghi di Fusine appare come un mondo incantato, lontano da ogni compromesso moderno.

Le vette del Mangart, dello Strugova, della Veunza – tutti colossi delle Alpi Giulie – si specchiano capovolte nelle tranquille acque dei laghi. Silenziose barchette sfilano accanto alle anatre e ai germani. Lieti turisti contemplano lungamente il panorama. I laghi di Fusine hanno un’origine che dipende dalle montagne che vi si specchiano. Sono rimasti chiusi, contenuti da argini morenici, dopo il ritiro delle enormi colate di ghiaccio del periodo quaternario (circa 10 mila anni or sono). Il terreno morenico ha poi fatto da ottimo fertilizzante per l’abete rosso che qui cresce fitto e rigoglioso, addirittura a un’altezza inferiore a quella abituale. La riserva naturale, istituita nel 1971, protegge circa 23 mila ettari di foresta con i suoi residenti: cervi, camosci, caprioli e ben quattro specie di tetraonidi alpini, altrove rarissimi. Sono il gallo cedrone, il gallo forcello, il francolino di monte e la pernice bianca.

Lungo il bel sentiero che aggira le sponde dei laghi di Fusine sarà difficile scorgere uno di questi leggendari volatili, ma non importa. È già splendido essere discretamente nel loro ambiente.